L’opera al nero – Marguerite Yourcenar – 1968

La Nigredo, o Opera al nero, è la prima delle fasi dell’Opera Alchemica. Solitamente queste fasi sono tre (nero, bianco, rosso) anche se ne troviamo versioni con un maggior numero di fasi, quasi sempre associate a dei colori.

Il protagonista di questo romanzo storico-filosofico è Zenone, frutto della fantasia e della cultura di Marguerite Yourcenar, ma in realtà commistione di vari alchimisti e filosofi realmente esistiti. Impossibile non sentirvi l’eco di Paracelso e Tommaso Campanella.

Non esiste accomodamento durevole tra coloro che cercano, pensano, analizzano e si onorano di pensare domani diversamente da oggi, e coloro che credono o affermano di credere, e obbligano con la pena di morte i loro simili a fare altrettanto

Continua a leggere L’opera al nero – Marguerite Yourcenar – 1968

Le anime morte – Nikolaj Vasil’evič Gogol’ – 1842

Le anime morte di Gogol è il suo romanzo più celebre e uno dei più importanti della letteratura russa e mondiale. Sancisce un nuovo inizio, dove gli autori iniziano a guardare alla Rus’ con occhi disincantati.

Dirà Dostoevskij “Siamo tutti nati dal cappotto di Gogol, noi scrittori russi”, con riferimento all’omonimo e celeberrimo racconto.

Il romanzo è infarcito di un’ironia spesso spietata e di personaggi grotteschi e meschini:

ogni cosa in essa era solida, goffa al massimo grado e aveva una certa strana somiglianza con il padrone di casa; in un angolo del salotto c’era un panciuto scrittoio di noce su quattro sgraziatissime gambe, un autentico orso. Il tavolo, le poltrone, le sedie, tutto era del tipo più pesante e scomodo – insomma, ogni oggetto, ogni sedia pareva dire: “E anch’io sono Sobakevič!” oppure: “E anch’io assomiglio tutto a Sobakevič!”

Continua a leggere Le anime morte – Nikolaj Vasil’evič Gogol’ – 1842

Demian – Hermann Hesse – 1919

Hermann Hesse, con tratti autobiografici, racconta con profonde riflessioni sull’esistenza e sulla ricerca personale la bipolare scissione tra la ricerca del Bene e l’attrazione del Male, interrogandosi sulla natura e il senso della vita di ogni individuo.

Certo, che cosa sia un uomo realmente vivo si sa oggi meno che mai, e
perciò si ammazzano gli uomini in grandi quantità, mentre ognuno di essi è un tentativo prezioso e unico della natura. Se non fossimo qualcosa più di uomini unici, se si potesse veramente togliere di mezzo ognuno di noi con una pallottola, non ci sarebbe ragione di raccontare storie. Ogni uomo però non è soltanto lui stesso; è anche il punto unico, particolarissimo, in ogni caso importante, curioso, dove i fenomeni del mondo s’incrociano una volta sola, senza ripetizione. Perciò la storia di ogni uomo è importante, eterna, divina, perciò ogni uomo fintanto che vive in qualche modo e adempie il volere della natura è meraviglioso e degno di ogni attenzione.

Continua a leggere Demian – Hermann Hesse – 1919

Il deserto dei Tartari – Dino Buzzati – 1940

Questo gioiello della letteratura italiana del ‘900, scritto da Dino Buzzati a 34 anni mentre incombeva la WWII, ci trascina nell’esotica e desertica inquietudine di vivere in attesa di una morte o d’un nemico che non arriva mai, intessendo con un’angoscia sottile che non raggiunge mai un climax una storia fatta d’attesa fuori dal tempo e dallo spazio, nella remota Fortezza Bastiani.

Proprio allora dai fondi recessi uscì limpido e tremendo un nuovo pensiero: la morte.
Gli parve che la fuga del tempo si fosse fermata, come per rotto incanto. Il vortice si era fatto negli ultimi tempi sempre più intenso, poi improvvisamente più nulla, il mondo ristagnava in una orizzontale apatia e gli orologi correvano inutilmente. La strada di Drogo era finita; eccolo ora sulla solitaria riva di un mare grigio e uniforme, e attorno né una casa né un albero né un uomo, tutto così da immemorabile tempo.
Dagli estremi confini egli sentiva avanzare su di sé un’ombra progressiva e concentrica, era forse questione di ore, forse di settimane o di mesi; ma anche i mesi e le settimane sono ben povera cosa quando ci separano dalla morte.

Continua a leggere Il deserto dei Tartari – Dino Buzzati – 1940

Viaggio al termine della notte – Louis-Ferdinand Céline – 1932

Con Viaggio al termine della notte (titolo originale: Voyage au bout de la nuit) iniziamo il nostro cammino nella letteratura. Infatti questo capolavoro eversivo della letteratura francese del ‘900, scritto nel periodo tra le due guerre, contiene una carica anarcoide e dissacrante che non può non travolgerci.

 Perché nel cervello d’un coglione il pensiero faccia un giro, bisogna che gli capitino un sacco di cose e di molto crudeli.

Continua a leggere Viaggio al termine della notte – Louis-Ferdinand Céline – 1932